Lancaster utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito e per fornirti servizi e contenuti in linea con i tuoi interessi. Continuando la navigazione sul nostro sito, accetti l’utilizzo di questi cookie. Per saperne di più o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui.

It
Leggi l'articolo
#Play With Light

Philippe Azara

Qual è il suo momento della giornata preferito per giocare con la luce?

 

È senza dubbio il tramonto, specialmente al mare. Anche la luce dell'alba ha una tonalità piuttosto particolare, vicina al tramonto.

 

In che modo la ispira l'Isola della Bellezza?

 

La Corsica, in particolare con i suoi paesaggi, mi ispira perché nelle mie opere mi piace giocare con il contrasto della vita urbana e dei tramonti dell'Isola della Bellezza. I paesaggi della Corsica attenuano l'aggressività dei paesaggi urbani che frequento tutto l'anno attraverso i miei viaggi.

 

Quando ha iniziato a occuparsi di fotografia?

 

Ho sempre avuto un gusto per la fotografia, già da giovanissimo. Ho iniziato con le polaroid, poi c’è stato l’avvento della fotocamera usa e getta, ma a me serviva qualcosa di più. Ho avuto la mia prima pellicola all’età di 13 anni e ovviamente con l'arrivo del digitale, ho ceduto alla moda. È stato anche a questa età che è stato scoperto il mio daltonismo...

"Il mondo visto da un uomo daltonico" dice il suo sito, ci racconti un po’ di più sulla sua visione ...

 

Non vedo necessariamente lo stesso colore che vedono gli altri quando l'intensità o la luminosità cambiano! Si dice spesso che le persone daltoniche abbiano una percezione diversa. Questa peculiarità influisce sul mio lavoro soprattutto durante il post-produzione: il bilanciamento del bianco, il tono della pelle e il cielo sono una vera sfida per me. D'altra parte, quando creo un'opera, mi concentro essenzialmente sulla luminosità e sulla vivacità dei colori.

 

Da dove nasce l'idea di "sovrapporre" le sue foto per crearne di nuove?

 

Una notte, nel bel mezzo di una crisi esistenziale, non trovavo alcuna ispirazione, ero in una città che non conoscevo, avevo fatto un tour fotografico, stavo armeggiando con la mia macchina fotografica e mi sono imbattuto nella modalità OVERLAY e l’ho provata. All'inizio il tutto era molto astratto, ma poi ho letto molto e ho imparato e sto ancora imparando a padroneggiare questa tecnica. Ho sempre desiderato essere un pittore o un disegnatore, con la doppia esposizione, faccio avverare i miei sogni d'infanzia.

 

www.mrazara.com 

 

Photos : © Philippe Azara

 

Potrebbe piacerti
Clément Dezelus

Evviva!La bella stagione si avvicina e siamo lieti di presentare il nuovo profumo estivo di Lancaster: Lancaster Sunrise Un incontro luminoso con l'artista, illustratore e regista Clément Dezelus che ha ricevuto carta bianca per l'identità visiva di questa nuova fragranza fresca ed energetica.

Brice Compagnon

Molte grandi aziende di moda e di bellezza affidano la direzione dei loro numerosi casting a Brice Compagnon, particolarmente noto per il suo “street casting” errante, sempre alla ricerca del "look" particolare. Ci parla di ciò che è fotogenico, di quell'aura speciale e, naturalmente, della luce.

Allegro Chiaroscuro

Julie Ansiau è una fotografa essenzialmente nota per gli interni pubblicati sulla stampa di moda e lifestyle. Abbellisce qualsiasi luogo con il suo stile riconoscibile. Julie è autrice fotografica anche di ritratti e campagne pubblicitarie, sempre con quella firma unica che può essere riassunta in tre parole: delicata, gioiosa, poetica. Qual è il suo segreto? La messa in scena, naturalmente, e ancor più il suo modo speciale di giocare con la luce. Intervista.

Margot Breby: Il mondo in pastello

Social media manager in un'agenzia digitale*, Margot Breby incanta il pubblico con il suo account Instagram** segnato da spensieratezza, tenerezza, spontaneità e una certa ingenuità rinfrescante. Ci parla del suo modo di immortalare, tra cielo e mare, un momento o un dettaglio della vita che la toccano.

Kirakira+, glitter or not glitter ?

Nel 2015 un piccolo UFO scintillante sbarcava su Instagram: Kirakira+. Un nome in codice kawai per un'applicazione davvero stellare. Dopo l'ultima fashion week, la fashionsfera si è impadronita del fenomento e ora il passaparola regna sovrano, con più di 70.000 post con l'hashtag corrispondente scritti finora su Instagram.

Pagina posteriore Mag
Scopri il GlowScope
Rimani sintonizzato
Iscriviti allanewsletter di
Lancaster
Logo Lancaster Search Icon L Lancaster Logo L-Diag